Prestiti Compass: guida alla scelta della soluzione su misura

È uno degli istituti leader nel mercato finanziario: non stupisce perciò che abbia un catalogo molto ampio di servizi, opzioni, soluzioni pensate “su misura” per ogni tipo di clienti. Per chi voglia accedere ai prestiti Compass, una guida insomma è indispensabile, tanto più che se c’è un modo di avere il meglio dalla soluzione finanziaria per cui si opta è appunto fare attenzione a tutti i suoi dettagli e alla possibilità offerte.

 

Per orientarsi nell’universo sempre in trasformazione dei prestiti Compass, il modo migliore è consultare il sito ufficiale: qui sono presentate nei dettagli tutte le alternative proposte dall’istituto ai suoi clienti e utilizzando gli appositi strumenti è possibile simulare il proprio prestito. Ci sono, però, anche tanti altri siti incentrati sul mercato finanziario che possono fare da guida ai prestiti Compass.

 

Scegliere i prestiti Compass: guida alla flessibilità

La cosa fondamentale da sapere, in ogni caso, che il vero vantaggio della compagnia è offrire prestiti flessibili e condizioni vantaggiose (come tassi di interesse competitivi rispetto a quelli del mercato, possibilità di saltare le rate, eccetera), soprattutto se si pensa che in tempi di ristrettezza economica le famiglie non solo hanno più bisogno di liquidità ma hanno bisogno anche di poter gestire al meglio le proprie finanze, senza lo “spauracchio” della rata fissa mensile del prestito da pagare.

 

Proprio a proposito, se si fa riferimento ai prestiti Compass, una guida non può essere che una guida alle diverse formule previste dalla compagnia. Come si può scoprire facilmente collegandosi al sito, infatti, l’istituto prevede almeno tre tipi di formule per i suoi prestiti personali:

  • la easy flex: che prevede di base una rata fissa per tutto il periodo di ammortamento, ma permette di accedere alle opzioni jump o change, per saltare o cambiare appunto le rate (per un totale di massimo cinque volte l’anno);
  • la total flex: in questo caso, oltre a saltare la rata, si ha una maggiore libertà di modificarne il valore o, anche, di estinguere anticipatamente il prestito;
  • la cifra tonda: che permette, infine, di scegliere ogni mese un importo “comodo”.